Mondo low cost

Come mangiare bene a Barcellona

Lo scorso fine settimana mi sono dedicata ad approfondire uno dei temi che mi piacciono di più: il buon cibo. Infatti sono appassionata del cibo sano e a km0. Per quanto riguarda la frutta, la verdura e la carne cerco sempre di fare la spesa dai produttori locali e mi informo sulla filiera corta del cibo. È al mercato che si possono fare ottimi affari e acquistare cibo di qualità. 

In Italia, in molte città c’è il mercato settimanale, che permette ai produttori di vendere direttamente i loro prodotti: è un’ottima occasione per acquistare buon cibo ad un prezzo ragionevole. Inoltre ci sono i mercati locali promossi da varie associazioni: in questo caso potrai trovare non solo frutta e verdura ma anche altri prodotti realizzati dalle aziende agricole. Si potranno trovare anche prodotti da forno, biologici, marmellate, confetture e altre delizie 😀 Tutto con prodotti del territorio! Il prezzo sarà contenuto e potrai mangiare cibo di una qualità nettamente superiore a quella del supermercato.

Per questo motivo sto cercando di seguire lo stesso stile alimentare anche in Spagna, anche se ci sono delle differenze nella tradizione culinaria. Ho la fortuna di avere vicino alla residenza gestita dalle Saveriane, il Mercato di Santa Caterina: è un mercato coperto dove si possono acquistare ottimi prodotti locali.

iMeat Barcellona

Per questo motivo ho partecipato ad iMeat, che per la prima volta si è svolta anche a Barcellona: un momento molto importante e prezioso nel quale i macellai italiani (guidati da Federcarni, cioè la Federazione Nazionale Macellai) e spagnoli si sono confrontati sui temi più disparati riguardanti la macelleria.

iMeat Barcelona

Dalle preparazioni ai tagli della carne, sono stati tanti i punti di riflessione nella manifestazione. I macellai italiani hanno rappresentato egregiamente la tradizione italiana delle carni: divisi in cinque squadre, hanno saputo interpretare ed innovare la gastronomia italiana, proponendo accostamenti innovativi come la tartàre con il pistacchio o con il tartufo (ottimi!)

Alla manifestazione hanno partecipato non solo i macellai italiani e spagnoli, ma anche diverse aziende italiana che operano in vari settori della macelleria, dalla formazione alla produzione di materiali che migliorano la conservazione del cibo. Tra queste l’Accademia Macelleria Italiana ed EsseoQuattro.

La prima si occupa di formare, in varie città italiane, i futuri macellai partendo dalle basi, portando gli studenti alla scoperta dei vari tipi di carne e dei tagli più adeguati.

EsseoQuattro invece si occupa di produrre una carta adatta a conservare vari tipi di alimenti il più a lungo possibile.

Summary
Article Name
iMeat Espaňa
Author
Publisher Name
Mondo low cost

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: