Mondo low cost

Matera: tra Sassi e futuro

Qualche settimana fa ho partecipato al Raduno Nazionale dei Bersaglieri con una gita di due giorni organizzata da un’agenzia di viaggi. Ho deciso di partecipare per il prezzo (molto conveniente) e perché mio babbo ha fatto il bersagliere da giovane. Infine, Matera è una delle capitali europee della cultura 2019 (l’altra è Plovdiv, in Bulgaria): per tutti questi motivi ho deciso di tornare a Matera dopo più di 10 anni dalla prima volta che l’ho visitata.

I Sassi

Il viaggio in pullman è stato molto tranquillo; all’arrivo in tarda mattinata, ho trovato una città in festa, invasa dai colori dei bersaglieri e dai tanti turisti italiani e stranieri. Ad attenderci, c’era una guida che ha portato tutto il gruppo alla scoperta dei Sassi, da quello “Caveoso” a quello “Barisano”. Rispetto a 10 anni fa, ho trovato una città completamente diversa: più aperta al turismo, molto accogliente ma che non ha perso le sue radici storiche. In altre parole: UNICA! Ha saputo guardare al futuro valorizzando le sue eccellenze 😀 Personalmente, ho molto apprezzato il giro fatto tra i vicoli dei Sassi, dove ho potuto fare quattro chiacchiere con le persone del posto.

Durante il giro non ho resistito alla tentazione del palato ed ho acquistato dei prodotti tipici buonissimi: i peperoni cruschi, una specialità materana che ho portato a casa insieme al caciocavallo podolico.

La mattinata si è conclusa con un buonissimo pranzo in un locale caratteristico: “La cantina della Bruna”, che offre prodotti del territorio con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Il giro dei Sassi si è concluso nel pomeriggio con la visita alla chiesa dei Santi Pietro e Paolo, meglio conosciuta come chiesa di San Pietro Caveoso, che risale al secolo XI. Dalla piazza antistante, si può ammirare l’ingresso della chiesa rupestre di Santa Maria de Idris, che risale al periodo tra il Trecento e il Quattrocento: situata in alto, domina il panorama per la sua semplice bellezza. Il nome “de Idris” deriva, molto probabilmente, dalla vicinanza di cisterne e conche per la raccolta dell’acqua.

La giornata si è poi conclusa a Castellaneta, dove avevamo l’albergo.

Il giorno dopo siamo tornati a Matera per partecipare al raduno nazionale dei Bersaglieri: che emozione vedere così tanti fanti piumati e tante fanfare animare la città!!

La Cattedrale di Altamura

Dopo il raduno, siamo tornati a pranzo da Bruna e poi siamo partiti per tornare a casa: lungo il viaggio di ritorno ci siamo fermati ad Altamura. Che bella la cattedrale di Santa Maria Assunta!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: